LO STRESS:CARATTERISTICHE E APPLICAZIONI PRATICHE

Stress è diventata una parola comune nel nostro vocabolario moderno.

Ma cos'è?

È la sensazione che provi quando un brufolo ti spunta sulla punta del naso la mattina del tuo matrimonio?

Succede quando hai fatto crossfit troppo duramente e il tuo ginocchio si gonfia in segno di protesta?

È causato dallo studio di libri che contengono termini come "adenosina trifosfato" e "gluconeogenesi"?

Lo stress è un'interruzione dell'omeostasi, il nostro stato di equilibrio dinamico.



Fattori di Stress

I fattori di stress ci fanno perdere questo equilibrio e innescano la risposta allo stress. Un fattore di stress può essere qualcosa di reale ed esterno, come il calore o il rumore estremo, o la rottura di una gamba, o qualcosa di interno che percepiamo o immaginiamo, come sentirsi non apprezzati al lavoro o disconnessi da una persona cara.

I fattori di stress possono essere:

●fisici, come l'abuso di sostanze o la mancanza di sonno

● mentale, come pensieri ansiosi

●emotivi, come la depressione o la paura

● esistenziali, come sentirsi senza scopo o senza speranza

●relazionali/sociali, come relazioni non solidali o shock culturale

● ambientali, come inquinamento o cicli di luce-buio perturbati.

Anche i fattori di stress sono cumulativi. Se un fattore di stress colpisce, potresti essere in grado di rimanere relativamente equilibrato. Ma se un gruppo si accumula, potresti avere difficoltà a rimanere in piedi.

Il carico totale di tutti i fattori di stress è noto come carico allostatico.

Persone diverse avranno diversi carichi allostatici.

Ad esempio, consideriamo due clienti o comunque due persone:

-Una madre di tre figli che lavora a turni

-Un giovane atleta che vive con genitori amorevoli che gli preparano i pasti e gli fanno il bucato.

La quantità di stress aggiuntivo che queste due persone possono gestire sarà probabilmente molto diversa. La risposta allo stress segue uno schema prevedibile.



Risposta allo Stress

La nostra base di partenza è l'omeostasi.Qui ci sentiamo abbastanza comodi e stabili. Quindi, incontriamo un fattore di stress che interrompe l'omeostasi. Diciamo, un allenamento intenso.

Quando rispondiamo a questa interruzione dell’omeostasi, entriamo in una "fase di allarme". Durante questa fase, i nostri ormoni dello stress potrebbero aumentare e il nostro sistema nervoso simpatico si amplifica.

Questo fa sentire alcune persone malate e tremanti, mentre altre si sentono così cariche che si sentono come se potessero sollevare un'auto.

Dopo questa fase, potremmo sentirci un po' stanchi. Il nostro sistema immunitario viene temporaneamente depresso e gli ormoni infiammatori e le citochine aumentano per far fronte a potenziali danni ai tessuti.

Successivamente, recuperiamo e ricostruiamo.

Diventiamo più forti e più resilienti per i futuri fattori di stress.

La nostra capacità di esercizio, e potenzialmente altri fattori di stress, aumenta nel tempo, purché ci stiamo riprendendo bene.

Alla fine, torniamo all'omeostasi. (e forse siamo pronti per il nostro prossimo allenamento!)

Questo ciclo di interruzione, allarme e recupero è una normale reazione allo stress.

Quando funziona correttamente, la risposta allo stress ci aiuta a rimanere concentrati, energici e vigili. Ma se superiamo la nostra capacità individuale di recuperare, lo stress smette di aiutarci e inizia a danneggiare cronicamente il nostro corpo, le prestazioni, l'umore, la produttività, le relazioni e la qualità della vita.

Gran parte dei comportamenti che vediamo nei nostri parenti,amici etc sarà una risposta allo stress e un tentativo di riportare il sé all'equilibrio.

Le "cattive abitudini" tra virgolette sono spesso solo un tentativo di far fronte allo stress o di risolvere un problema. E il modo in cui interpretiamo lo stress è importante.


Tipi di Stress

Lo stress percepito positivamente è chiamato "eustress";in questo caso potrebbe sembrare una sfida divertente, energizzante cercare di contrastare quel determinato stressor

Lo stress percepito negativamente è chiamato distress.In Questo caso ti senti come se stessi affogando pertanto lo stress può essere terribile.

L'intensità e la durata di un fattore di stress influenzeranno la nostra interpretazione di esso, così come la nostra capacità di riprenderci da esso.

Lo stress e il recupero sono intimamente collegati.

Quando rispondiamo a uno stressor ,ci riprendiamo e ci adattiamo bene, lo stress ci rende effettivamente migliori.

Quando non rispondiamo o non ci riprendiamo in modo efficace da uno stressor, lo stress ci abbatte.

Due dei sistemi più responsabili della risposta allo stress e del recupero sono il sistema nervoso e quello immunitario.Sia Il sistema nervoso che il sistema immunitario sono attori chiave nello stress e nel recupero.

Sistema nervoso e stress

Il sistema nervoso viene attivato dallo stress e coordina ampiamente la nostra risposta fisiologica ad esso. Il sistema nervoso involontario comprende:

Il sistema nervoso autonomo, che organizza le funzioni di base del corpo, come il battito cardiaco e la regolazione della temperatura, e ha due parti: il sistema nervoso simpatico e parasimpatico.


il sistema nervoso simpatico si attiva quando viene percepita una minaccia e innesca la cosiddetta risposta "combatti o fuggi", che include il rilascio di ormoni dello stress.

Il sistema nervoso parasimpatico generalmente ci riporta alla calma, o quella che è conosciuta come la risposta “riposa e digerisci”. Tuttavia, può anche innescare una risposta di "congelamento", quando il sistema nervoso simpatico è esaurito e tutto ciò che abbiamo l'energia per fare è sdraiarci e fingere di essere morti.

Poi c'è il sistema nervoso enterico, che governa il tratto gastrointestinale e può essere pensato come un "secondo cervello" e produce persino i propri neurotrasmettitori. A volte è classificato come parte del sistema nervoso autonomo.

Anche il sistema immunitario viene influenzato dallo stress e influisce sulla nostra capacità di riprendersi da esso. Troppo o troppo poco stress indebolisce il nostro sistema immunitario, ma la giusta quantità di stress in realtà lo rafforza.

Quanto o quanto velocemente ognuno di noi si riprenderà dallo stress dipenderà dalla nostra genetica, mentalità, esperienze passate e dagli altri fattori di stress che stiamo attualmente affrontando.

Ovviamente, non possiamo cambiare il nostro DNA,i tratti naturali della personalità o la strana abitudine della nostra vicina di casa di usare un aspirapolvere allle 2 del mattino di domenica.. Ma possiamo sviluppare la nostra tolleranza allo stress e la capacità di recupero.


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti