GAMBE GONFIE E CIRCOLAZIONE:CAUSE E STRATEGIE PER PREVENIRE IL PROBLEMA

Nel corso della giornata,la condizione estetica e non solo delle gambe di una donna può variare in modo importante

Per esempio ci si sveglia con le gambe leggere e a ora di pranzo le caviglie,i polpacci o le cosce sono gonfie e pesanti.

Ovviamente le cause possono essere tante:stile di vita,lavoro, attività fisica,alimentazione etc

Ma quali processi avvengono all'interno del nostro corpo e delle nostre gambe per evitare che si creino ristagni di liquidi ?

Muscoli e circolazione

I muscoli non hanno solo funzione motoria. In particolare, la muscolatura degli arti inferiori è considerata un “vero e proprio cuore periferico” attraverso la stretta interconnessione con sistema circolatorio e linfatico.

Durante la contrazione i muscoli della gamba, “spremono” le vene e i vasi linfatici favorendo il ritorno del flusso ematico e i liquidi verso la parte superiore del corpo, il cuore e gli organi di filtro. Questo meccanismo contrasta la forza di gravità per mezzo dello sviluppo della forza propulsiva esercitata su sangue e linfa.

La presenza di valvole all’interno delle vene completa l’efficienza del meccanismo delle pompe muscolari.



Le Valvole

Le valvole hanno la funzione di indirizzare il sangue verso il cuore impedendo il reflusso nelle estremità inferiori, “spezzando” la colonna di sangue e diminuendo la pressione sulla parete venosa.

Durante la contrazione dei muscoli della gamba, a esempio durante la camminata, le valvole si chiudono al di sotto della zona di compressione impedendo la retrocessione del flusso.

Quando il piede va in appoggio sulla punta e il polpaccio si contrae, la valvola più vicina al cuore si apre, mentre quella più vicina al piede si chiude.

Quando il tallone va in appoggio e il polpaccio si rilassa, la valvola prossimale si apre, mentre quella distale si chiude.

Quindi durante la deambulazione, l’azione della pompa muscolare svuota verso l'alto e in modo intermittente e con un preciso ritmo il contenuto venoso dell’arto.

Di conseguenza, per i suddetti meccanismi:

In posizione distesa, le vene si svuotano facilmente e il diametro si mantiene ridotto, in quanto il sangue scorre senza “ostacoli” al cuore.

Camminando o durante una idonea attività fisica, le vene risultano maggiormente piene e il diametro si allarga rispetto la posizione distesa, il sangue scorre efficientemente.

In posizione eretta, le vene si riempiono e il diametro aumenta notevolmente, il sangue scorre lentamente ostacolato anche da un aumento della pressione venosa alla quale contribuisce il peso esercitato dalla forza gravitaria. Questo si verifica, in misura minore, altresì in posizione seduta.


Ecco perché durante la giornata la gamba “si gonfia”, soprattutto se si passano molte ore sedute e/o in piedi in posizione statica.

Oltre al Microcircolo,riscontriamo i capillari linfatici che svolgono un importante ruolo nel drenaggio dei liquidi extracellulari. Se questo sistema viene compromesso ci ritroviamo in una situazione di stasi dei liquidi e, dunque, di gonfiore. Generalmente le cause sono due:


-Posizioni statiche tenute per troppo tempo. Per esempio quando stiamo seduti tutto il giorno per lavorare o quando stiamo in piedi troppo a lungo. In entrambi i casi ci ritroveremo di fronte ad una stasi dei liquidi che causerà, a fine giornata, un forte gonfiore nelle gambe.

-Difficoltà di deflusso e drenaggio causate dall’allenamento. È questo il caso di tutti quegli allenamenti focalizzati esclusivamente sulle gambe, in particolar modo se estremamente lattacidi (molte ripetizioni, cedimento muscolare esasperato).


DOBBIAMO,COME SEMPRE,LAVORARE SU PIU’ ASPETTI:
-STILE DI VITA:DOBBIAMO CAMMINARE DI PIU’(I FAMOSI 10000 PASSI GIORNALIERI MA NE BASTANO ANCHE MENO)
-ALLENARSI CORRETTAMENTE QUINDI SFRUTTANDO SPECIFICI PROTOCOLLI DI ALLENAMENTO
-NON RIMANERE TROPPO TEMPO SEDUTI(SMARTWORKING) O IN PIEDI IN POSIZIONE STATICA

Regole base per riattivare il Microcircolo grazie all'allenamento

-Evitare lavori lattacidi specie in presenza di problematiche circolatorie (i muscoli non devono bruciare)

-Eseguire attività aerobica che sia a basso impatto(no corsa) e di bassa\media intensità

-Eseguire lavori in palestra che migliorino l'aspetto circolatorio


Durante il Corso Donna e Allenamento del 18 aprile vedremo come è necessario che una donna si alleni per avere un corpo tonico e per contrastare problematiche quali Cellulite e ristagno di liquidi oltre a valutare tanti altri aspetti dell'allenamento femminile in palestra.


5 Ore di alta formazione

Piattaforma Zoom

Domenica 18 Aprile dalle ore 15 alle ore 20

Clicca qui per saperne di più e prenotare il tuo posto-Solo 5 posti disponibili